L’omeofobia non deve essere tollerata

omeofobia

Tradotto dall’articolo segnalatoci da dr.Antonio Gorini del “THE GUARDIAN” pubblicato per la prima volta il 19 dicembre 2007 dal dr. Rustum Roy, (morto nel 2010)

*”L’omeofobia” non deve essere tollerata*
L’omeopatia non dovrebbe essere etichettata come una frode. Coloro che studiano l’acqua sanno che chi la critica ha torto, dice Rustum Roy (3 luglio 1924 – 26 agosto 2010 è stato un fisico , che divenne professore alla Pennsylvania State University ed era un leader nella ricerca sui materiali).
Ben Goldacre* esalta la pratica dell’omeopatia . Per la cronaca, non ho mai studiato o detenuto una posizione a favore o contro l’efficacia clinica dell’omeopatia. Tuttavia, sono un chimico dei materiali che ha scritto uno dei documenti più citati nella scienza dei materiali, su soluzioni acquose.
Avendo recentemente studiato le straordinarie proprietà biologiche degli acquasoli soluzioni in acqua ultradiluiti (acqua con una parte per milione di particelle solide) e scritto una lunga recensione sulla struttura dell’acqua, ho scoperto per caso anche una nuova malattia sociale, “omeofobia” – cioè una fobica reazione (principalmente da parte degli scienziati) alla parola “omeopatia”, la cui virulenza è esemplificata da Goldacre*.
Uno dei principali spauracchi per gli “omeofobici” è il concetto che una soluzione in cui il soluto è estremamente diluito (oltre il numero di Avogadro) non può assolutamente, a loro avviso, essere diversa dal solvente originale. Quindi l’omeopatia deve essere una frode. Questa è stata la carta vincente del popolo anti-omeopatia per più di 100 anni.
Ma torniamo agli scienziati specializzati in proprietà dell’acqua. Il professor Martin Chaplin della South Bank University di Londra, uno dei massimi esperti sulla struttura (molecolare) dell’acqua, afferma: “Troppo spesso l’argomento finale usato contro il concetto di memoria dell’ acqua è semplicemente” non ci credo “… la retorica non scientifica viene ascoltata dagli molti studiosi, con una visione ristretta del soggetto e senza alcun esame o apprezzamento di tutte le prove.
Com’è successo e c’è accordo tra tutti coloro che hanno studiato l’acqua, che di fatto la critica ha torto. Prova? Il diamante è il materiale più duro del pianeta; grafite uno dei più morbidi. Sono assolutamente identici nella composizione e possono essere riconvertititi in un millisecondo con zero cambiamenti di composizione.
Il prof. Eugene Stanley della Boston University, il principale esperto di fisica dell’acqua, ha catalogato 64 cambiamenti di proprietà altamente anomali in acqua pura. Secondo la prima legge della scienza dei materiali, ciò significa che ci deve essere lo stesso numero elevato di strutture differenti nell’acqua liquida, ciò che ha chiamato “polimorfismo” dell’acqua. Quest’anno il prof Chaplin, sulla rivista Homeopathy, ha discusso dettagliatamente su come l’acqua potesse mantenere un “ricordo”.
Ma la spinta principale dell’argomento di Goldacre è il ruolo dell’effetto “placebo”. Sì, funziona. Ed è senza dubbio presente in ogni intervento omeopatico; ma è molto più potente nelle pillole della medicina istituzionale perché sono pubblicizzate così ampiamente in campagne da miliardi di dollari.
Goldacre è preciso nel rilevare gli alti tassi di esiti positivi e negativi in molti studi sull’omeopatia. Ma ci sono enormi discrepanze in ogni serie di studi randomizzati e controllati sulle stesse pillole della medicina istituzionale perciò Goldacre suggerisce seriamente che un documento di omeopatia con esito positivo dovrebbe sessere trattato in modo equo nelle riviste ufficiali?


_*Ben Goldacre è un medico e divulgatore scientifico britannico. È research fellow in epidemiologia alla London School of Hygiene & Tropical Medicine._


Source: www.theguardian.com – ‘Homeophobia’ must not be tolerated

Post a comment

Questo sito utilizza Cookie tecnici, analisi e prestazioni. La disattivazione dei Cookie di analisi e prestazioni può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità. Per maggiori dettagli clicca qui